ACCEDIREGISTRATI

Intervista con Mario Scalabrino Certifydoc

Traduzione dell’intervista originale pubblicata nella rivista “Lawyerpress News“, un portale di giurisprudenza spagnolo.

LP: Signor Scalabrino, lei è un imprenditore nell’ambiente LegalTech spagnolo, come le è venuta l’idea di lanciare Certifydoc?

MS: Nell’Europa del Sud, ho notato che mancava un modo per difendere i consumatori dagli abusi delle grandi aziende. Casi come modifiche tariffarie non autorizzate, difficoltà a cancellarsi da certe piattaforme o siti, essere costretto a consegnare i tuoi dati per comunicare con il servizio clienti, ecc… Avevamo bisogno di un modo per dare rilevanza legale a screenshot, video, foto, registrazioni con valore legale certificato. Così è nato Certifydoc, come soluzione per poter utilizzare in modo facile, veloce ed economico i certificatori europei in materia di certificazione temporale…

LP: La certificazione dei documenti che abbiamo sui nostri computer, tablet e smartphone mi sembra un processo molto complicato. Come funziona?

MS: Tutto ciò che è sconosciuto sembra molto complicato, ma non lo è. Uno degli obiettivi chiave di Certifydoc è quello di occuparsi della complessità e renderla facile e veloce per l’utente. Devi solo avere un browser su qualsiasi dispositivo e accedere alla tua area privata, senza pagare alcuna tassa o registrazioni complicate. Inoltre, solo registrandosi, il sistema regala 3 certificazioni gratuite.
Si caricano i documenti (di qualsiasi tipo e anche misti se necessario), si riempiono 4 campi e si invia con un clic, in meno di 120 secondi l’utente riceve un’email con tutto il necessario per dare valore legale certificato ai propri documenti. Tutto è organizzato in modo che i file certificati, i file di certificazione, un Pdf riassuntivo che può essere stampato e spiegazioni tecniche per gli utenti più esigenti possano essere archiviati in modo corretto. Inoltre, con un solo clic, la materia certificata può essere inviata ai tribunali, agli avvocati o semplicemente per negoziare con un maggiore effetto dissuasivo.

LP: Sul vostro sito web dite che la certificazione è legalmente valida, come si ottiene ed è davvero valida in qualsiasi tribunale?

MS: Certifydoc invia a più di due “Qualified Trusted e-Service Providers” dalla lista europea e dal Ministero dell’Agenda Digitale
https://sedeaplicaciones.minetur.gob.es/Prestadores/ e http://tlbrowser.tsl.website/tools/, ad esempio “Izenpe”.
Con l’indicazione cronologica di questi certificatori si dà un valore legale certificato rispetto alla “data certa” (nessuna data successiva) e all’Integrità (se i file sono autentici o sono stati manomessi in modo fraudolento o accidentale) dei file.
Poche persone sanno che la validazione temporale è richiesta anche per i documenti già firmati elettronicamente, dato che questi tipi di validazioni temporali hanno una validità che dura molto di più di quella della firma elettronica, dato che la firma elettronica non fornisce la suddetta “data certa”.
Riferimenti completi alla legislazione:

  • Regolamento (UE) n. 910/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 luglio 2014 sull’identificazione elettronica e i servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno e che abroga la direttiva 1999/93/CE.
  • Legge 59/2003, del 19 dicembre, sulle firme elettroniche
  • Legge 39/2015, del 1 ottobre, sul procedimento amministrativo comune per le pubbliche amministrazioni
  • Legge 40/2015, del 1 ottobre, sul regime giuridico del settore pubblico.

Oltre a qualificati certificatori di fiducia, Certifydoc stesso fornisce un servizio gratuito di crittografia della massima sicurezza e riservatezza, anticipando i tempi, che rispetta il nuovo RGPD. Questo servizio di crittografia può anche dare indicazioni sulla paternità delle creazioni in cui il copyright è importante e sui casi di proprietà intellettuale.

Inoltre, e questo è un aspetto importante, Certifydoc non conserva nel cloud nulla che sia stato caricato nel rispetto delle nuove normative europee sulla protezione dei dati. Possiamo criptare tutto ciò che viene inviato, il che è ancora più conforme al nuovo Regolamento Generale Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR) (Regolamento (UE) 2016/679).

Essendo Certifydoc anche un intermediario, la certificazione è concessa direttamente da certificatori di fiducia qualificati dall’UE e non da Certifydoc, il che riduce notevolmente qualsiasi rischio reputazionale o di indisponibilità a lungo termine della validità della certificazion

ScreenShotCertifydocWebhomeCuadrado

LP: Gli avvocati in Spagna non sono molto aperti alla tecnologia, che feedback ricevi dai tuoi clienti quando gli presenti questa applicazione?

MS: Tutti lo trovano interessante e indagano immediatamente su come può essere utile nel loro lavoro di tutti i giorni. Il primo commento comune è che hanno bisogno di capire prima il quadro giuridico e la giurisprudenza e mi chiedono se posso fornirli velocemente dato che pochi sono formati su questo argomento in modo approfondito. Il secondo commento, sorprendentemente, è se qualcosa può essere stampato, un PDF per esempio, ed è per questo che in ogni email abbiamo aggiunto un PDF riassuntivo ideale per stampare e poi archiviare o presentare. Solo dopo questi vengono solitamente informati sul prezzo e sono molto felici di sapere che il costo è di circa una colazione, si paga al momento ciò che si consuma e non richiede alcun tipo di tassa di registrazione o abbonamento periodico.

LP: Per tutti coloro che sono un po’ diffidenti nei confronti della tecnologia, cosa diresti loro di dare una prova a Certifydoc?

MS: È molto facile da usare, se hai già imparato ad usare un browser o un’applicazione mobile, non devi imparare nient’altro. Tutti i passi sono guidati e spiegati e non devono imparare nulla in fatto di tecnologia. Certifydoc si prende cura di tutta la complessità in modo che l’utente possa usarlo facilmente, rapidamente ed economicamente.

LP: I servizi basati sul web stanno diventando sempre più comuni. La mappa dei servizi LegalTech è già molto ampia e molto popolata dalle start-up. Qual è il business plan di Certifydoc? Quali sono le tue aspettative di fatturato?

MS: Il business plan di Certifydoc si concentrerà nei prossimi due anni sul B2B nei segmenti della giustizia/avvocati, immobiliare/sviluppo/costruzioni, protezione dei consumatori, amministratori di immobili, geometri, investigatori privati, forensi informatici, certificazioni WhatsApp per la violenza domestica, protezione della proprietà intellettuale e quando il mercato sarà maturo ci sposteremo anche nel B2C. Non pubblichiamo le aspettative di fatturato per prudenza e per motivi di riservatezza nei confronti degli attuali investitori.

LP: Qual è la strategia di marketing di Certifydoc?

MS: Certifydoc intende utilizzare il marketing digitale come canale principale per il marketing B2B e la consapevolezza del marchio.
Reti sociali, blog di settore specializzati, SEO, il blog di Certifydoc stesso e accordi con le associazioni di settore.

LP: Parlando dell’ambiente LegalTech, dove possiamo aspettarci i maggiori progressi secondo te?

MS: Nel rapporto tra avvocati e tribunali, nella firma elettronica dei contratti e nelle comunicazioni con la pubblica amministrazione, nella protezione dei dati nell’Unione Europea, nella cybersecurity.

Credo che la velocità con cui verrà adottata da parte degli avvocati dipenderà dalla giurisprudenza e dalle sentenze.

Nell’UE tutti gli stati stanno insistendo sul trattamento elettronico basato sulle leggi relative alla firma elettronica, è solo una questione di quando succederà e non se ciò succederà; e costringerà l’intero settore a pensare in modo elettronico e non cartaceo.

Il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) darà anche un importante impulso e direzione al settore in tutta Europa, non solo in Spagna.

Il crescente rischio di cyber-attacchi sarà anche un motore molto importante per il settore legaltech.

The following two tabs change content below.

Mario Scalabrino

Mario ama scrivere articoli, ama condividere la conoscenza specialmente se può avere qualche impatto sociale o culturale. Visto che detesta le notizie false, verifica sempre con cura le fonti dei suoi articoli. È un entusiasta della scienza, della natura, del ballo, delle feste e delle persone, però non necessariamente in quest’ordine. Imprenditore di alte tecnologie, consulente forense, laureato in Ingegneria Elettronica, master in Mediazione e Risoluzione di Conflitti. Ex direttore internazionale di vendite di software ed ex ufficiale dei Carabinieri nel Reparto Investigazioni Scientifiche Forensi (RIS) di Parma. Ama le persone che dimostrano tolleranza, uguaglianza e rispetto per tutti. Segui Mario su LinkedIn o su Twitter
Articolo precedente
Impara come difendere i tuoi diritti di consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere